Pia Fondazione di Culto e Religione "Card. G. Panico"

  • Home
  • Fondazione
  • Storia

Storia

L'Ospedale “Cardinale Giovanni Panico”, oggi Azienda ospedaliera, è una Struttura sanitaria cattolica voluta dal Porporato tricasino e realizzata dall’Istituto Internazionale delle Suore Marcelline.

Il Fondatore

Card. Giovanni Panico

Giovanni Panico nasce a Tricase nel 1895 e per 39 anni ricopre il ruolo di Missionario diplomatico della Santa Sede a servizio della pace e dell’intesa tra i popoli in diversi Paesi del mondo: dalla Colombia nel 1923 come addetto alla Nunziatura, all'Argentina nel 1926 come segretario della Nunziatura, dalla Cecoslovacchia nel 1931 nella veste di Uditore alla Baviera e alla Saar nel 1932 e 1934 rispettivamente nelle vesti di coadiutore del Nunzio ed Osservatore del Vaticano, dall'Australia nel 1935 come Delegato apostolico, al Perù nel 1948 come Nunzio apostolico, dal Canada nel 1954 come Delegato apostolico al Portogallo come Nunzio apostolico nel 1959, poco prima di essere nominato Cardinale da Giovanni XXIII il 24 maggio 1962.

Con carità cristiana e affetto filiale egli ha probabilmente sempre avuto in animo la realizzazione di un piccolo ospedale per i bisogni dei suoi concittadini e per cercare di lenire le antiche sofferenze. Ne parla pubblicamente nel 1954 mentre svolge il suo ministero in Perù e si appresta a spostarsi in Canada. E, per realizzare il suo intento, comincia da quell'anno a costituire un piccolo fondo in denaro mettendo da parte, con entusiasmo e costanza, le offerte e i contributi che sia i fedeli che i confratelli gli affidano dopo aver conosciuto i suoi altruistici desideri.

Suor Elisa Zanchi

Il progetto della modesta struttura sanitaria è ancora sulla carta, quando il 7 luglio 1962 nella casa di Tricase Porto, il terzo infarto, dopo i due lamentati in Australia, pone prematuramente fine alla terrena esistenza del Cardinale tricasino, poco dopo aver affidato l’erigenda opera nelle sapienti e capaci mani della Madre Generale delle Suore Marcelline Suor Elisa Zanchi.

A lei, Suor Elisa Zanchi, la Città di Tricase il 28 maggio 1998, meritatamente, attribuirà la cittadinanza onoraria soprattutto per aver accettato di buon grado a nome dell'Istituto l'invito del Cardinale a gestire l'opera, permettendone la realizzazione e legando definitivamente il nome delle sue Suore a quello della città di Tricase.

L'opera.

Sarà infatti l'Istituto Internazionale delle Suore Marcelline a porre concretamente mano alla realizzazione del desiderio del Prelato e portare a termine l'opera con coraggio, sacrificio e competenza.
L'Istituto delle Marcelline è fondato a Cernusco sul Naviglio il 23 settembre 1938 per iniziativa del sacerdote della Chiesa ambrosiana Luigi Biraghi, beatificato il 30 aprile 2006, e pur essendo presente in Tricase con le sue Suore solo del 15 ottobre 1961, (giorno dell'inaugurazione dell'Oasi di Santa Marcellina), porta da quasi 200 anni il suo impegno educativo, formativo e di assistenza sia in Italia che in Europa e nelle Americhe.

L'atto di nascita dell'Ospedale e virtualmente legato allo stesso giorno in cui si svolgono i funerali del Cardinale, difatti nelle ore che seguono immediatamente le esequie del Porporato, Monsignor Carmelo Cassati, suo nipote nonché curatore testamentario e già segretario del 1951 al 1962, pure nello sconforto del momento, ma nella consapevolezza del necessario rispetto della volontà dello scomparso, si rende conto di avere davanti a sé due strade: ottenere la conferma dell'impegno assunto dalle Suore Marcelline di prendere in carico l'erigendo nosocomio, oppure costruire una piccola clinica utilizzando le esigue somme di denaro messe a disposizione dal porporato ed affidarla al Comune.

Su quest'ultima soluzione medita il Monsignore mentre, a chiusura del funerale, si accinge a congedare Suor Elisa Zanchi, Madre Generale delle Suore Marcelline: “si senta libera e non più vincolata dalla promessa fatta al Cardinale” le dice, ma la Madre non ha alcuna esitazione: “manterremo la parola data” risponde.

Madre Elisa Zanchi mantiene dunque la parola data e conferisce l'incarico della pianificazione architettonica dell'opera all' ingegnere Lorenzo Galati di Lecce, il quale pone mano al progetto originario conferendogli la propria impronta, ampliandolo fino a dotarlo di 150 posti letto distribuiti in 5 piani.

La prima pietra e posta il 4 gennaio 1963 da monsignor Giuseppe Zocco, parroco di Tricase. L'iniziale corpo di fabbrica, suddiviso in vari piani, é dunque realizzato con la configurazione della lettera L, ancora oggi la si può ritrovare nelle porzioni edilizie che al piano terra ospitano il Servizio di radiologia da un lato e quello delle cucine dall'altro.

Ha conservato dunque le caratteristiche di partenza ed anche ai nostri giorni l'Ingresso interno dell'Ospedale è sormontato dalla muratura della Cappella.

Quando la realizzazione del rustico dell'edificio è al secondo piano Suor Giustina Rezzaghi invita a visitare, la erigenda opera, il Professore Gaetano Renda, primario di Chirurgia a Nardò, egli nota subito che l'edificio si prefigura come un Poliambulatorio o una piccola Infermeria che non ha l'impostazione organica di un vero Ospedale negli spazi e le caratteristiche del nosocomio, cose queste necessarie per ottenere le autorizzazioni e le convenzioni dei vari Enti. Apprende inoltre da Suor Giustina che lavori sono stati interrotti in previsione di una loro considerevole modifica per ottenere le necessarie autorizzazioni il Professore Renda si lascia facilmente coinvolgere dall'entusiasmo contagioso di Suor Giustina e prende contatto con Ingegnere Lorenzo Galati per modificare l'impostazione del fabbricato.

Nel giugno del 1966 scompare la giovane Suor Giustina, è la nuova Superiora Suor Giuseppina Fezzi a ricevere il testimone dell'impresa da portare a termine.

I lavori giungono ad ultimazione e l’Organigramma Dirigenziale del nuovo Ospedale nasce di fatto il 20 settembre del 1967 a Napoli presso l'Hotel Excelsior dove si riuniscono i Responsabili amministrativi e il gruppo dei Medici che nel frattempo sono scelti e incaricati come Primari delle varie discipline.

Nell'autunno del 1967 giungono a Tricase le Suore Marcelline diplomate Infermiere Professionali Caposala e il 1° ottobre 1967, nel piazzale d'ingresso della nuova struttura, si svolge la cerimonia di inaugurazione dell'Ospedale sono presenti l'intera comunità tricasina, i Medici e il Personale prescelto incaricato i Sacerdoti le Autorità militari civili e religiose della Provincia di Lecce Brindisi e Taranto il Cardinale Paolo Marella, Madre Elisa Zanchi il reverendo padre Carmelo Cassati il Senatore Agrimi, sottosegretario del Ministero del Tesoro, in rappresentanza del Presidente del Consiglio Onorevole Aldo Moro, il Vescovo di Ugento Monsignor Ruotolo il Vescovo di Nardò Monsignor il Vescovo di Otranto Monsignor Pollio il Padre De Angeli,della Congregazione dei Missionari del Sacro Cuore e ancora il Prefetto della Provincia Dottor Marcheggiano lOnorevole Giuseppe Codacci Pisanelli Sindaco di Tricase, Monsignor Napolitano docente cappellano presso l'Istituto Marcelline di Lecce il Professor Magliari medico provinciale, il Professor Ignazzi Provveditore agli Studi, il Dott. Piazzalunga Presidente della Corte d'Appello di Lecce, il Prof. Grasso Presidente della Provincia di Lecce il Prof. Giordano Dell'amore Presidente della Cassa di Risparmio delle Provincie Lombarde, Istituto mutuante per l'opera.

I primi pazienti, provvisti di apposite impegnativa assistenziale, sono accolti nella nuova struttura il 4 dicembre 1967.

Poco tempo dopo si inserisce nel gruppo dei primi Medici il dott. Ludovico Orlando Russo con la carica di Direttore Sanitario dalla quale viene affrancato il Prof. Gaetano Renda che rimane primario di Chirurgia.

Nel frattempo giunge a soluzione il basilare problema costituito dalla legge che non consente ai privati di gestire un Ospedale ma solo una Casa di Cura ; col sostegno e la consulenza del Presidente della Corte di Cassazione Dott. Prof. Luigi Costanza e della sua straordinaria esperienza giurisprudenziale e legislativa, nel 1965 Madre Zanchi ha presentato difatti al Ministero della Sanità la proposta di riconoscimento giuridico per gli Ospedali Religiosi: in essa Luigi Costanza ha, con lungimiranza, coniato ed illustrato il concetto della “classificazione” da attribuire agli Ospedali Ecclesiastici.

Solo due anni dopo, quella proposta dell' Istituto Marcelline ed il piano giuridico ad essa Colle gatto, sono approvati dal Ministro della Sanità Camillo Ripamonti e trovano infine riconoscimento legale nella famosa Legge Enti Ospedalieri e assistenza ospedaliera numero 132 del 12 febbraio 1968 della quale beneficiano, successivamente, anche tutti gli altri Ospedali Ecclesiastici.

L’Ospedale “Card. G.Panico” di Tricase è quindi il primo esempio in Italia di Ospedale Religioso Classificato.

Da questo formale e sostanziale riconoscimento comincia il suo lungo cammino di concreto sviluppo e di pieno inserimento nella Sanità nazionale perché nel breve volgere di un anno sono approvati due documenti ufficiali che di fatto trasformano da Casa di Cura privata in Ospedale Generale di Zona. Si tratta del Decreto del 6 novembre 1967 e del Decreto del Ministero della Sanità 16 dicembre 1969 in cui si stabilisce che i Servizi e i Titoli acquisiti dal Personale dell’Ospedale “Card. G Panico” di Tricase sono equiparati ai Servizi ed ai Titoli acquisiti dal Personale in servizio presso gli Ospedali Generali di zona amministrati da Enti Ospedalieri Pubblici.

Un decreto del Ministero della Sanità del 25 settembre 1968 ha istituito la Scuola  Infermieri Professionali annessa all'Ospedale, soddisfacendo il carisma dell'educazione, della formazione e della cultura proprio dell'istituzione delle Suore Marcelline. Nel rispetto degli scopi istituzionali il Polo didattico Universitario ha perfezionato importanti progetti culturali di formazione in collaborazione con le Università istituendo opportuno e convenzioni per le Scuole di specializzazioni mediche chirurgiche delle migliori Università Italiane,  a questo scopo è stato completato il Centro Studi / Polo Universitario che comprende la sede del Corso di Laurea in Infermieristica quale sede decentrata dell’Università degli Studi Bari Facoltà di Medicina e Chirurgia, la biblioteca ed  una moderna sala conferenza che prevede la traduzione simultanea nonché collegamenti a circuiti chiusi per la ripresa in diretta dalle Sale Operatorie a scopo scientifico e didattico.

1963

Posa della prima pietra

La prima pietra e posta il 4 gennaio 1963 da monsignor Giuseppe Zocco, parroco di Tricase.

1967

Inaugurazione dell'ospedale

Il 1 ottobre 1967 si svolge la cerimonia di inaugurazione dell'Ospedale di Tricase.

1977

Expansion of operations

With over 1200 clients all across the world, we became the top financial advisor for many internationals.

2000

London branch opens

In January 2000, we open our first overseas office in the heart of London to better server our clients in UK.

2011

Records broken

In our 78th anniversary, we posted a record $15 Billion trading profit making it the most profitable financial company in Germany

2016

New things

In 2016, we ventured into new markets to expand our folio and establish our fiscal acumen in the industy.

logo

Pia Fondazione
di Culto e Religione
Card. G. Panico
Via S. Pio X, 4
73039 Tricase (LE)

centralino: +39.0833.773111
C.U.P.: +39.0833.1830652
info@piafondazionepanico.it

I nostri valori

Osservanza delle norme
Riservatezza, lealtà e trasparenza
Imparzialità
Senso di appartenenza
Eccellenza nel servizio
Lavoro di squadra
Capacità, rispetto ed eguaglianza
Umanizzazione, efficienza ed economicità

leggi tutto

© Pia Fondazione di Culto e Religione Card. G. Panico | p.iva 02616050759 | privacy | credits

Informativa sui cookies

Testo informativa estesa sull'uso dei cookie

 Il presente sito web utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati dal sito e su come gestirli.

 

Definizioni

 I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle c.d. "terze parti" vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l'utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

 

Tipologie di cookie

 In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie si possono distinguere diverse categorie:

 

- Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di "effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio" (cfr. art. 122, comma 1, del Codice).Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web; cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l'installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

 - Cookie di profilazione. I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all'utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell'ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell'ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull'uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l'art. 122 del Codice laddove prevede che "l'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3" (art. 122, comma 1, del Codice). Il presente sito non utilizza cookie di profilazione.

 

Cookie di "terze parti"

 Visitando il presente sito web si potrebbero ricevere cookie da siti gestiti da altre organizzazioni ("terze parti"). Un esempio è rappresentato dalla presenza dei "social plugin" per Facebook, Twitter, Google+ o LinkedIn, oppure sistemi di visualizzazione di contenuti multimediali embedded (integrati) come ad esempio Youtube, Flikr. Si tratta di parti generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina web del sito ospitante visitato. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da "terze parti" è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

 Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/ 

Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy. 

Twitter informative: https://support.twitter.com/articles/20170514 

Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security 

Linkedin informativa: https://www.linkedin.com/legal/cookie-policy 

Linkedin (configurazione): https://www.linkedin.com/settings/ 

Youtube\Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/ 

Youtube\Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/ 

Pinterest informativa\configurazione https://about.pinterest.com/it/privacy-policy 

Flikr\Yahoo informativa http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/cookies/details.html 

Flikr\Yahoo (configurazione) http://info.yahoo.com/privacy/it/yahoo/opt_out/targeting/details.html

 

Cookie analytics

 WebTrends

 Al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito ci si avvale di un prodotto di mercato di analisi statistica per la rilevazione degli accessi al sito. Esso può ricorrere all'utilizzo di cookies, permanenti e non, allo scopo di raccogliere informazioni statistiche e sui "visitatori unici" del sito. I cookies, definiti come "Unique Visitor Cookies", contengono un codice alfanumerico che identifica i computer di navigazione, senza tuttavia alcuna raccolta di dati personali.

 

Google Analytics

 Il sito include anche componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). Tali cookie sono usati al solo fine di monitorare e migliorare le prestazioni del sito. Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

 https://www.google.it/policies/privacy/partners/

 L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

 https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

 

Durata dei cookie

 Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione dell'eventuale comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente. Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

 

Gestione dei cookie

 L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser. 

Attenzione: con la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici potrebbe compromettere l'utilizzo ottimale del sito. 

La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti". A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione. In internet è facilmente reperibile la documentazione su come impostare le regole di gestione dei cookies per il proprio browser, a titolo di esempio si riportano alcuni indirizzi relativi ai principali browser: 

 

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it 

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie 

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9 

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html 

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT